Invenzioni

LA NUOVA PLASTICA CHE ‘SANGUINA’ E SI RIPARA DA SOLA

Un nuovo tipo di plastica ‘sanguina’ quando viene danneggiata: imita la capacità della pelle umana di segnalare quando subisce danni e come la pelle sa autoripararsi. Il nuovo materiale, che si colora di rosso se si rompe ed è in grado di aggiustarsi da solo se viene esposto alla luce, è stato presentato al congresso della Società Americana di chimica in corso a San Diego. Lo ha messo a punto il gruppo della della University of Southern Mississippi coordinato da Marek Urban.
Le potenziali applicazioni sono moltissime, vanno dai telefoni cellulari, ai computer portatili alle automobili. A differenza delle altre plastiche che si autoriparano, che contano su composti inglobati che funzionano una sola volta questa plastica,  può auto ripararsi sempre, proprio come la pelle.

 

Guardate le invenzioni che ci cambieranno la vita!

Immagine anteprima YouTube

A volte basta poco e tutto diventa davvero molto semplice. Migliora la vita, l’umore, lo spirito… davvero? Invenzioni paradossali o talmente pazzesche da non essere affatto banali? Voi cosa ne pensate? Fra tutte quelle della tutina del bambino che pulisce casa…

 

 

Patatine fritte inventate per dispetto

“La patatina tira” recita un recente spot. In effetti le patatine fritte sono uno dei cibi più apprezzati del nostro secolo.
L’idea di friggerle venne allo chef statunitense George Crum non di certo per appagare il palato piuttosto per ripicca verso un cliente pretenzioso.

Si narra infatti che nel 1853 in un ristorante di New York, il “Moon Lake Lodge resort”, un cliente incontentabile rimandò indietro per tre volte un piatto ritenendo che le patate, servite per contorno, erano tagliate in modo troppo spesso.

Fu così che il vendicativo chef affettò le patate in maniera sottolissima e le fece friggere, convinto di disgustare l’antipatico cliente; che invece le trovò divine.

Non ci volle poi molto tempo ed il passaparola e la loro commercializzazione … le avviò alla conquista del mondo.

Fantastica invenzione cinese

Da oggi più nessuno avrà problemi di parcheggio!!!!

Immagine anteprima YouTube

Il microonde con YouTube

Immagine anteprima YouTube

Anche tu passeresti (o passi) giornate intere su YouTube alla ricerca di video interessanti fermandoti soltanto quando ti trovi costretto a preparare la cena? Se non vorresti smettere neanche quando cucini ecco la soluzione ai tuoi problemi: il forno a microonde con YouTube incorporato.

Il forno CastOven (questo è il suo nome) cerca tra i video di YouTube, selezionandone uno della durata necessaria alla cottura dei cibi da preparare, in questo modo si può ottimizzare il tempo fino all’ultimo secondo.

Invenzione per alzarsi dal letto

Immagine anteprima YouTube

Ecco un nuovo stratagemma inventato da Baynham & Tyers, per alzarsi la mattina dal letto. Diciamo un sistema abbastanza complesso…

Dal Giappone la birra colorata

ryu_imgimg_assist_custom

I puristi inorridiranno solo all’idea, ma chi si sente più aperto verso le novità potrebbere essere incuriosito da questa trovata: in Giappone è stata da poco lanciata una linea di birre colorate.
Il prodotto di punta della compagnia Abashiri è indubbiamente la birra blu, nota come Ryuho Draft, ma la ditta ha messo in vendita anche una versione rossa ed una verde della bevanda.

La birra blu giapponese è prodotta usando acqua ricavata dagli iceberg che ogni anno galleggiano fino in Hokkaido, l’isola più a nord dell’arcipelago giapponese, dal freddo mare di Okhotsk.
Ma a dare il suo caratteristico colore a questa birra non è l’acqua: alghe marine trasformano la Ryuho da ambrata a blu ghiaccio.

set_h6_0904

E qual’è il sapore della birra Abashiri? Secondo i commenti dei critici, la Ryuho non è affatto male, e se non si conoscesse la provenienza del suo strano colorante, le alghe, non se ne indovinerebbe neppure la presenza.
E voi? Siete incuriositi abbastanza all’idea di una birra blu? Provereste ad assaggiare la Ryuho Draft?

Immagine anteprima YouTube

Invenzioni Giapponesi

Alcune di queste invenzioni sembrano pazze… ma non per i Giapponesi

1 2  Scroll to top